De Laurentiis mette la stella sul mercato: “Può andare via”

De Laurentiis gela il Napoli e Spalletti sul mercato: “Si è stancato? Il futuro è di sicuro una sua scelta, non mia”.

Torna a parlare Aurelio De Laurentiis. E lo fa a margine di una mostra su Maradona. Le sue dichiarazioni come sempre lasciano il segno, e hanno creato tensione fra i tifosi del Napoli. Il presidente ha infatti parlato delle mosse in uscita, andando dritto al punto. Prima però si è soffermato sul prossimo match della nazionale, lanciando la volata alla squadra di Roberto Mancini. “Credo che non sarà una partita semplice, ma la Spagna traballa, lo vedono tutti. Possiamo farcela ma dobbiamo mantenere l’atteggiamento sfrontato. Se gli avversari sentono la nostra paura il discorso si complica”.

Ciò che ha colpito però sono le parole di De Laurentiis su Lorenzo Insigne. L’ennesima frecciata, che arriva dritta al cuore dei sostenitori del Napoli. “Ho le idee chiare su di lui. É il frutto del nostro vivaio. Di certo però non posso essere io a trattenerlo”. E poi una frase che complica i piani sul rinnovo.

Leggi anche: Chi è Tomas Vaclik, il portiere ceco “bloccato”dal Napoli

De Laurentiis e il mercato, parole al vetriolo su Insigne: tifosi del Napoli preoccupati

Lorenzo Insigne De Laurentiis mercato
Lorenzo Insigne, De Laurentiis ha parlato di lui e di mercato (GettyImages)

Parole che lasciano il segno. In attesa di una risposta da parte di Insigne, che probabilmente non arriverà. L’Italia si è infatti chiusa a riccio alla ricerca del titolo ad Euro 2020, e i rumors di mercato restano all’interno del ritiro azzurro. Intanto De Laurentiis va giù duro e apre una fase in cui il rinnovo rischia davvero di allontanarsi. In merito alle contrattazioni, il presidente è stato chiaro.

“Insigne è del nostro vivaio. Santoro, un napoletano che conosce il territorio, lo ha scovato e portato qui. Il futuro dipende da lui. Se si è stancato io non posso fare nulla. Se vuole andare in giro per l’Europa è una sua scelta, non di sicuro mia o del Napoli”. Parole che potrebbero creare nuove tensioni in merito ad un nuovo accordo, che sembra ancora più lontano.