Euro 2020, nuovo pallone per semifinali e finale: cosa cambia – Foto

Per le semifinale e la finale di Euro 2020 ci sarà un pallone diverso: che cosa cambia e quali sono i palloni utilizzati nelle scorse edizioni.

Per la final four che si disputerà interamente a Wembley, il pallone di Euro 2020 avrà un colore diverso. Fino a questo momento, i calciatori hanno giocato con Uniforia tinto di bianco e pennellate colorate e luminose, con qualche tratto in nero.

Ora invece, il nuovo pallone per le semifinali e la finale degli Europei sarà argentato e le pennellate luminose di azzurro, fucsia, giallo e rosso saranno più decise e spesse.

Le squadre in allenamento hanno già cominciato ad utilizzare questa nuova sfera per abituarsi ai colori. L’obiettivo delle 24 squadre era quello di riuscire ad arrivare a giocare con la palla argentata. Ora per Italia, Spagna, Danimarca e Inghilterra è diventata realtà. Il 6 e 7 luglio a Wembley si giocherà con Uniforia Finale.

Diamo un’occhiata ai palloni che sono stati protagonisti delle finali degli Europei passati.

Leggi anche >>> Serie A, il nuovo pallone fa discutere: “Sembra quello del Napoli” – FOTO

Da Telstar Elast a Beau Jeu, i palloni delle finali degli Europei

pallone euro 2004
Pallone Euro 2004 (GettyImages)

La prima testimonianza storica sul pallone utilizzato agli Europei è quello utilizzato per Euro 1968, edizione vinta proprio dagli Azzurri. Il nome (Telstar Elast) prendeva spunto da un satellite, la quale forma ricordava una palla.

Nelle due edizioni successive fu utilizzato il Telstar Durlast, praticamente simile a quello precedente ma con delle innovazioni tecnologiche sull’impermeabilità.

Nel 1980, invece, arriva il momento del Tango River Plate, già utilizzato ai Mondiali 1978. Nel ’84 arriva Tango Mundial: primo pallone non in cuoio e il primo ad avere un disegno specifico per gli Euro. Nell’88, invece, il Tango Europa migliora la sua giocabilità con l’acqua.

Nel 1992 la stessa sfera utilizzata ai Mondiali d’Italia 90 sarà protagonista per gli Europei in Svezia: Etrusco Unico è un bel ricordo per la Danimarca.

Nel 1996, l’UEFA pensa ad una prima palla colorata: Questra Europa aveva leoni e rose, che omaggiavano la padrona di casa. Gli Europei infatti si svolsero proprio in Inghilterra. Nel 2000 fu tempo di Terrestra Silverstream. Era morbido al controllo e più preciso nelle traiettorie. Colori predominanti: blu e bianco.

Nel 2004 arriva una vera e propria rivoluzione con Roteiro. Per gli Europei in Portogallo, ogni pallone aveva i nomi delle squadre, la data, lo stadio e le coordinate del dischetto di centrocampo. Per Austria-Svizzera 2008 fu utilizzato Europass, composto da 14 pannelli anziché 32. In finale il colore della sfera cambio in argento.

Per Euro 2012 l’UEFA riporta in campo il Tango, con i colori di Ucraina e Polonia padrone di casa. Ad Euro 2016, invece, fu la volta di Bel Jeu (bel gioco) che nella fase a eliminazione diretta fu sostituito da Fracas.