Euro 2020, la frecciatina di Mancini all’Inghilterra: “Così è ingiusto”

Roberto Mancini Wembley
Roberto Mancini, ct dell'Itali (fonte foto GettyImages)

Alla vigilia della semifinale di Euro 2020 con la Spagna, il ct Mancini lancia una frecciatina all’Inghilterra e all’Uefa per Wembley.

Roberto Mancini è arrivato a Wembley, alla vigilia della sfida più importante della sua carriera da allenatore. All’interno del tempio inglese, il 6 luglio sfiderà la Spagna di Luis Enrique in una combattutissima semifinale di Euro 2020. Una gara difficilissima che si disputerà alla presenza di una buona cornice di pubblico. Peccato che i tifosi non saranno provenienti dalle due nazioni protagoniste della sfida, bensì saranno tutti residenti nel Regno Unito.

L’exploit di contagi da Covid, dovuto ai tanti focolai di variante Delta, che ha colpito l’Inghilterra e la Gran Bretagna nelle ultime settimane, ha portato il governo a imporre misure di sicurezza più severe. In questo modo, è diventato praticamente impossibile per i tifosi italiani e spagnoli partire dai rispettivi paesi per raggiungere Londra, rischiando non solo per la propria incolumità, ma anche per la salute pubblica europea.

La presenza di soli tifosi inglesi non è però andata giù al ct Mancini, che durante la conferenza stampa ha lanciato una frecciatina all’Uefa e all’Inghilterra, che in queste final four di Euro 2020 partirà con il favore dei pronostici grazie al pubblico di casa: “Il fatto che non ci siano tifosi da Italia e Spagna è ingiusto. Chiaro che sia meglio giocare davanti al pubblico che davanti a poche persone, è il bello dello sport. Ma trovo ingiusto che non ci siano metà italiani e metà spagnoli“.

Leggi anche -> L’Italia di Mancini macina record agli Europei: nessuno come gli Azzurri

Mancini difende Ciro Immobile: giocherà in Italia-Spagna?

Wembley tifosi Euro 2020
Tifosi a Wembley (fonte foto GettyImages)

Non solo preoccupazioni per i tifosi. Roberto Mancini nella conferenza stampa della vigilia del match contro la Spagna ha ovviamente parlato a lungo degli avversari di domani, ma ha anche commentato le prestazioni di alcuni calciatori Azzurri, specialmente di quelli finiti nel mirino della critica. Su tutti Ciro Immobile.

L’attaccante della Lazio sta attraversando un periodo d’involuzione sul piano del gol, ma anche su quello delle prestazioni. Contro il Belgio è stato il peggiore in campo, non è mai stato pericoloso, ha sbagliato tecnicamente e tatticamente ed è stato anche al centro di un polverone mediatico per aver mostrato il lato meno sportivo dell’Italia, gettandosi a terra in area nell’azione del gol di Barella per poi rialzarsi di scatto per esultare con i compagni.

Potrebbe interessarti -> Europei Italia: Immobile e il dolce messaggio per il gol che scatena i social

Ma un calciatore del suo livello non può essere criticato e anche con la Spagna dovrebbe partire titolare. Lo assicura Mancini: “Immobile è la Scarpa d’Oro, è tra chi ha segnato di più negli ultimi anni. E in un Mondiale o in un Europeo il più criticato spesso risolve partita e Torneo“. Speriamo sia di buon auspicio.