Non solo Pedro: tutti i calciatori passati dalla Roma alla Lazio

Pedro sta per passare dalla Roma alla Lazio, ma non sarà il primo: tutti i calciatori che hanno ‘tradito’ la lupa per l’aquila biancoceleste.

Roma Pedro
Pedro con la maglia della Roma (fonte foto GettyImages)

Passare dalla Roma alla Lazio e viceversa è stata un’operazione di coraggio compiuta da pochi calciatori. Tra le rivalità del nostro campionato di Serie A, quella del derby capitolino è notoriamente una delle più accese. Così, se di giocatori che hanno vestito la doppia casacca milanese se ne possono contare diversi, di calciatori della Roma e della Lazio se ne ricordano pochi. Finora tredici, con Pedro pronto a diventare il quattordicesimo.

Alcuni casi sono stati clamorosi. Come il primissimo, quello di Fulvio Bernardini, che ha vestito entrambe le maglie ma con soluzione di continuità. O quelli più recenti di grandi campioni come Sinisa Mihajlovic, diventato quasi una bandiera della Lazio dopo aver vestito agli esordi quella giallorossa, o di Angelo Peruzzi, che fece un percorso molto simile. O ancora quello di Kolarov, che invece fu per anni un pilastro della Lazio salvo poi tornare in Italia per vestire il giallorosso.

Leggi anche -> Calciomercato Roma, la stella giura fedeltà: i risvolti sul mercato

Di passaggi di maglia diretti, però, se ne contano pochi. Anzi, pochissimi. Considerando anche Pedro, fin qui sarebbero solo tre i giocatori che avrebbero accettato di vestire il biancoceleste dopo aver giocato almeno qualche partita con la maglia della Roma. E i primi due sono giocatori appartenenti a un’altra epoca calcistica, ormai quasi dimenticati da tutti anche nella Capitale che tutto rammenta.

I calciatori che sono passati direttamente dalla Roma alla Lazio

Pedro Roma
Pedro con la maglia della Roma (fonte foto GettyImages)

Per andare a scoprire il primissimo precedente di un trasferimento di questo tipo, un passaggio del Tevere dalla Roma Sud più colorata di giallo e rosso a quella Nord, che predilige(va) il bianco e il celeste, bisogna addirittura andare indietro nel tempo. A rompere il ghiaccio fu il romano Attilio Ferraris, detto Ferraris IV. Campione nel mondo nel 1934, dopo sette anni alla Roma inaspettatamente venne convinto dal presidente laziale Gualdi a cambiare maglia per l’allora importante somma di 150mila lire. In biancoceleste disputò 39 partite e fu meno decisivo.

Potrebbe interessarti -> Roma senza pan… di Spagna: è la dieta di Mourinho

Storia simile per Franco ‘Ciccio’ Cordova. Il centrocampista nativo di Forlì fu ingaggiato dalla Roma nel 1967, disputando 212 partite in giallorosso e segnando anche 9 reti. Fu capitano della squadra della lupa per ben quattro anni, dal 1972 al 1976. Poi, entrato in rotta con il presidente Gaetano Anzalone che lo aveva ceduto al Verona contro la sua volontà, rifiutò di trasferirsi in Veneto e, per ripicca, ottenne un passaggio clamoroso in biancoceleste. Alla Lazio rimase tre stagioni ma non riuscì a ripetere il percorso fatto alla Roma.