Marcus Thuram, dalle auto al basket: quali sono le passioni del figlio d’arte

Chi è Marcus Thuram e quali sono le passioni dell’attaccante francese nel mirino dell’Inter: dalle auto al basket, tutte le curiosità.

marcus thuram
Marcus Thuram (GettyImages)

L’attaccante del Borussia Monchengladbach è finito nel mirino dell’Inter e presto potrebbe far ritorno in Italia. Infatti, Marcus Thuram è nato proprio nello stivale, precisamente a Parma. Suo padre, ovviamente, è Lilian: storico difensore dei Ducali e soprattutto della Juventus, oltre ad essere una delle colonne della Nazionale francese.

Il cognome alle spalle del classe 1997 è molto pesante, ma questo non gli impedisce di avere una crescita esponenziale e diventare uno dei giocatori europei più importanti. Marcus è talentuoso e in Bundesliga ha mostrato tutto il suo potenziale. Nelle ultime due stagioni al M’Gladbach è riuscito ad andare entrambe le volte in doppia cifra.

Tra le sue passioni non c’è solo il calcio. Infatti, Marcus Thuram ama molto le auto, i supereroi ed il basket.

Chi è Marcus Thuram: dal NBA alla Mercedes

Marcus Thuram
Thuram, attaccante del Borussia Monchengladbach (GettyImages)

Grazie ai suoi grandi guadagni da calciatore professionista, l’ala francese ha diverse auto. Le sue preferite sono le Mercedes di color nero. Inoltre, Marcus Thuram è un appassionato di supereroi, tant’è che quando è morto l’attore protagonista di Black Panther l’attaccante l’ha omaggiato dedicandogli un gol. Inoltre, su Instagram ha più volte condiviso l’acquisto di gadget di alcuni personaggi di fumetti o film. Tra le passioni di Thuram c’è anche il basket, in particolar modo del mondo NBA. Sul corpo del calciatore non appaiono tatuaggi. Una scelta “anomala” per certi versi nel mondo del calcio. E’ uno dei pochi volti noti a non aver neanche un tatoo.

Leggi anche >>> “Era meglio Belotti”: Inter, i tifosi bocciano il nuovo attaccante

L’ala del Borussia è fortemente sensibile al movimento Black Lives Matter e dopo l’uccisione di George Floyd è stato uno dei primi ad inginocchiarsi in segno di protesta contro le morti innocenti e i soprusi contro i neri.