Pellegri al Milan: quella volta che mise in imbarazzo Caressa – VIDEO

Pietro Pellegri si prepara ad affrontare i microfoni per la presentazione al Milan: già in passato mise in imbarazzo Caressa.

pellegri milan
Pietro Pellegri (Gettyimages)

Pietro Pellegri è pronto a tornare in Serie A. Dopo i primi gol e i paragoni pesanti nella sua stagione al Genoa, fu al centro di un’asta di mercato. Fu più rapido di tutti il Monaco, che gli offrì una maglia importante e un contratto pesante. Forse l’attaccante non era pronto, e quei 21 milioni scuciti per strappare l’attaccante ai top club di Serie A, non hanno rappresentato un grande investimento. Le sue qualità però non sono in discussione, e il Milan ha ottenuto un prestito che darà al ventenne ligure la possibilità di crescere accanto ad Ibrahimovic e Giroud. Tutto pronto quindi per la conferenza di presentazione alla stampa, ma già in passato Pellegri dimostrò di non temere i microfoni, e mise in seria difficoltà Fabio Caressa. 

Pellegri, si attende la conferenza stampa con il Milan: in passato mise in difficoltà Fabio Caressa

Pietro Pellegri, il nuovo obbiettivo di mercato del Milan
Pietro Pellegri, dl Monaco al Milan – GettyImages

Il Milan ha trovato il rinforzo ideale per il mercato. Pellegri è un centravanti di quasi un metro e 90, ed è dotato di forza fisica e qualità. Pioli è pronto a rilanciarlo dopo l’esperienza negativa al Monaco, e i tifosi sono in attesa delle prime parole da rossonero. Lui in passato dimostrò di saperci fare davanti alle telecamere, e nonostante i 16 anni di età, mise in difficoltà Fabio Caressa.

Leggi anche: Pellegri verso il Milan, la fidanzata è famosa: il padre allena in Serie A

Il giornalista era infatti a caccia di curiosità sulla vita privata del giovane bomber, e fra una domanda strettamente legata al campo, e qualche spunto sulle sensazioni di un giovane in netta ascesa dopo una doppietta, lo “interrogò” sul tema scuola. La risposta del centravanti fece rimanere di ghiaccio Caressa che provò a spiegarsi meglio. Con scarsi risultati però, perché a volte, come dice il proberbio, la toppa è peggio del buco.