Daniele Adani racconta un aneddoto su Nesta: “Era clamoroso”

Daniele Adani uno dei telecronisti più amati della tv, racconta un aneddoto su Alessandro Nesta nel periodo in cui militava alla Lazio.

Daniele Adani con la maglia dell'Italia
Daniele Adani (GettyImages)

Quando la carriera calcistica di un giocatore professionista termina, i calciatori intraprendono quasi sempre due strade: quella dell’allenatore oppure quella relativa alla televisione nei ruoli di opinionisti o telecronisti. Lele Adani ha iniziato proprio quest’ultima diventando uno dei telecronisti più popolari della tv. L’ex calciatore di Lazio e Inter in un’intervista ha raccontato del suo arrivo in biancoceleste con Zeman e in particolare di un aneddoto riguardante un giovane Alessandro Nesta. Scopriamo insieme di che si tratta.

Daniele Adani: Dall’arrivo alla Lazio all’aneddoto su Alessandro Nesta

Alessandro Nesta in campo con la Lazio
Alessandro Nesta (GettyImages)

La storia raccontata da Adani inizia quando lui venne acquistato dalla Lazio sotto richiesta di Zoff. Una volta arrivato nella capitale però chi trova ad allenare è Zdeněk Zeman, un allenatore conosciuto per i suoi massacranti allenamenti. L’ex Lazio continua dicendo che quell’anno il ritiro si faceva in Svizzera e che l’intera rosa era spaventata. Uno degli allenamenti consisteva nel fare 1000 metri di squat con un compagno addosso per 10 volte. Da quanto dice il telecronista in quel momento era talmente tanto giù di morale che avrebbe preferito tornare a giocare in Serie B.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Del Piero, il nuovo amore e i tatuaggi: chi è Mattia Zaccagni

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> De Rossi, la moglie racconta il difficile momento vissuto: “ero terrorizzata”

L’intervista prosegue con l’aneddoto riguardante Alessandro Nesta: nel ritiro vi era un ragazzo che “andava il doppio degli altri”.  Adani prosegue dicendo che quando i giorni in Svizzera terminarono, lui era già consapevole di dover giocare per migliorare. Dicendo ai vari amici che lo chiamavano e lo rassicuravano che sarebbe riuscito a giocare tranquillamente, che lui non avrebbe mai messo piede in campo; e non per colpa dei veterani ma di un giovane che non aveva ancora esordito. Quel ragazzo era proprio Alessandro Nesta.

Conclude l’intervista elencando tutte le qualità dell’ex difensore romano, il giocatore che ha portato la difesa italiana ad un livello altissimo.