Mourinho, traguardo storico in panchina. Top e flop della sua carriera

Quella di domani contro il Sassuolo sarà per Mourinho la 1000esima panchina. Ripercorriamo assieme le tappe più importanti della sua carriera.

Jose Mourinho, l'allenatore della Roma
Jose Mourinho- GettyImages

637 vittorie, 205 pareggi, 157 sconfitte. Un palmares di ben 25 trofei, comprese le Champions con Inter e Porto, in meno di vent’anni di carriera. Adesso José Mourinho, soprannominato “The Special One” da quella storica conferenza di presentazione con il Chelsea, si prepara a tagliare un altro traguardo importante nel suo percorso da allenatore. Domenica sera nello scontro che vedrà contrapposte la sua Roma e il nuovo Sassuolo di Dionisi, Mou si siederà in panchina per la 1000esima volta.

“Non ho mai pensato di raggiungerle, ne le ho mai contate o mi sono preoccupato” – spiega nell’intervista all’agenzia di stampa Lusa – “Ma quando mi hanno detto che ne mancavano otto o nove, allora l’ho notato e ho iniziato a fare i conti”. “Novantamila minuti, più i vari recuperi… Sono tanti! Ma non è cambiato nulla in me” – continua l’allenatore della Roma – nella mia essenza come persona o allenatore.”

Leggi anche »» Roma, un big in esubero: due club italiani pronti all’assalto

Leggi anche »» Mourinho cambia casa: vivrà nella villa di un grande ex giallorosso

Insomma, un commento impassibile, perfettamente in linea con la persona, o il personaggio, che abbiamo imparato a conoscere fin dalle prime esperienze col Porto. Vediamo quindi quali sono state le tappe più importanti nella carriera di uno dei migliori allenatori degli ultimi 20 anni.

Mourinho, top e flop di una carriera fuori dagli schemi

Mourinho esulta per un gol in finale di Champions
Mourinho in finale di Champions con l’Inter

Si è detto, una carriera con più alti che bassi e una percentuale di successo di circa il 63,8%. Ma, come tutti, anche José Mourinho nel suo lungo percorso da allenatore ha subito delle brusche frenate e qualche delusione, più o meno importante. Ecco, quindi, le tre vittorie più importanti e le sconfitte peggiori della sua carriera.

MIGLIORI VITTORIE

  1. Monaco-Porto 0-3, 26 maggio 2004. La prima Champions di Mourinho che al suo secondo anno da allenatore e 40 anni appena compiuti, raggiunge un traguardo che molti non sono mai riusciti a tagliare.
  2. Bayern Monaco-Inter 0-2, 22 maggio 2010. Il giorno della chiusura di un cerchio che si era aperto il 5 maggio dello stesso anno con la vittoria in Coppa Italia contro la Roma. Il trionfo al Bernabeu, grazie alla doppietta di Milito, è la ciliegina sulla torta di un anno che i tifosi interisti difficilmente dimenticheranno.
  3. Ajax- Manchester United 0-2, 24 maggio 2017. Il Manchester United torna a vincere in Europa a quasi 10 anni dalla Champions del 2008. Quello di 4 anni fa è uno dei successi più recenti dello Special One che al primo anno con i Reds collezionerà ben 3 trofei.

PEGGIORI SCONFITTE

  1. Barcellona-Real Madrid 5-0, 29 novembre 2010. Forse il peggiore insuccesso della carriera di Mou. Arrivato allo scontro con il suo nemico storico, Pep Guardiola, con 1 punto di vantaggio prende un’imbarcata senza precedenti che sarà determinante per la lotta al vertice di quella stagione.
  2. Chelsea-Bradford 2-4, 24 gennaio 2015. La prima della Premier cade in casa con una squadra di metà classifica della terza divisione inglese, in FA Cup. Inutile aggiungere altro, quella con il Bradford è stata una delle peggiori sconfitte nella storia di Mourinho al Chelsea.
  3. Chelsea-Manchester United 4-0, 23 ottobre 2016. Sempre con il Chelsea, ma questa volta da avversario, Mourinho ha subito “l’umiliazione”, come la definirà lui a fine partita, di un poker contro un altro dei suoi peggiori “nemici”, Antonio Conte.

Mattia Maccarone