Gattuso a cena con De Laurentiis, trattativa per il rinnovo: i dettagli

58
Gattuso tratta il rinnovo con il Napoli (Getty Images)
Gattuso tratta il rinnovo con il Napoli (Getty Images)

Gennaro Gattuso avrebbe cenato con il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, per trattare il rinnovo 

Il Napoli costruisce il suo futuro partendo dal presente e lo fa con il rinnovo di Gennaro Gattuso. Dopo una campagna acquisti gestita per accontentare le richieste del proprio allenatore, la dirigenza partenopea vuole ora dare un segnale coerente anche per la panchina, confermando il tecnico calabrese che bene ha fatto da quando è arrivato lo scorso dicembre.

L’ex calciatore ha trovato uno spogliatoio in piena rivolta e l’ha trasformato nuovamente in un ambiente sereno con i giocatori uniti per un obiettivo comune. Ha revitalizzando alcuni profili come quello di Lozano, costato oltre 40 milioni ma che non aveva reso quanto le aspettative, e ha vinto persino una Coppa Italia.

Potrebbe interessarti anche: Serie A e possibile sospensione: Spadafora non esclude l’ipotesi

Gattuso e il rinnovo con il Napoli: tutte le cifre dell’affare

Gattuso, il rinnovo col Napoli come prossimo passo (Getty Images)
Gattuso, il rinnovo col Napoli come prossimo passo (Getty Images)

Secondo le recenti indiscrezioni, Gattuso è pronto a firmare un rinnovo di due anni, con opzione per il terzo. Guadagnerà 1,9 milioni in più rispetto al suo attuale stipendio, ai quali aggiungeranno anche alcuni bonus in base a determinati traguardi che raggiungerà.

L’allenatore del Napoli avrebbe incontrato il presidente De Laurentiis a cena, secondo il Corriere dello Sport. Le parti si sarebbero anche accordate per chiudere l’affare entro Natale. La svolta maggiore è stata raggiunto con l’eliminazione della possibile penale da 7 milioni chiesta inizialmente dal patron partenopeo in caso di separazione anticipata rispetto al termine del contratto. Con queste basi, il rapporto tra Gattuso e il Napoli potrà proseguire, nella speranza di ritrovare successi importanti e di diventare nuovamente la vera anti-Juve come successo fino a due stagioni fa con Sarri.

Leggi anche -> Serie A, ecco la top 11 delle cessioni della sessione estiva