Crespo lascia il Defensa y Justicia e vola a San Paolo: col sogno di tornare in Italia

calciopolis
CalcioPolis.it

Hernan Crespo ha comunicato il suo addio al Defensa Y Justicia e lo attende una nuova esperienza al San Paolo. Il sogno dell’ex attaccante però è una chiamata dall’Italia. 

Hernan Crespo ha comunicato l’addio al Defensa Y Justicia, e la prossima destinazione potrebbe essere il San Paolo. Un messaggio via Instagram in cui l’ex attaccante ha salutato la tifoseria e la squadra per compiere un passo importante nella sua nuova avventura da tecnico. Ad attenderlo c’è infatti uno dei club più blasonati del Sudamerica, e i tifosi si sono già scatenati sui social in attesa dell’annuncio ufficiale. “Vi sarò sempre grato – ha scritto Crespo – per l’attaccamento, per l’accoglienza riservata a me e alla mia famiglia. Grazie ai giocatori per il loro impegno, alla dirigenza per averci sostenuto, allo staff e alla gente del Defensa Y Justicia che ci ha dato il suo sostegno incondizionato. Resterete sempre nel mio cuore”. Questi alcuni passaggi di un messaggio accorato del bomber ex Inter, Parma e Lazio, che adesso parte per una nuova tappa di crescita nella carriera da allenatore.

Le sirene che lo volevano al timone di nuovi club in argentina sembrano accantonate, e anche l’interessa della nazionale cilena è in secondo piano. Crespo ha scelto il San Paolo che dovrebbe annunciarlo nelle prossime ore e che è stato rapito dalla vittoria della Copa Sudamericana del Defensa. E intanto l’allenatore tiene caldo un sogno nel cassetto. Un ritorno in Italia in un campionato che conosce bene e che non ha mai dimenticato un attaccante formidabile e pulito in campo e fuori.

Leggi anche: Mazzarri, nuova esperienza o grande ritorno: due club sull’allenatore

Crespo, il Defensa ora il San Paolo e un sogno nel cassetto: “Un giorno mi piacerebbe…”

Hernan Crespo pronto alla nuova avventura al San Paolo (Getty Images)

Hernan Crespo lascia il Defensa Y Justicia per il San Paolo, ma non dimentica l’Italia. La Serie A fu terra di conquista di un bomber completo, capace di andare in gol di testa, con entrambi i piedi, e spesso protagonista di reti incredibili. Dopo i 4 anni a Parma e le 62 marcature con i ducali, il bomber partito dal River Plate si affermò con la Lazio, ma anche in maglia Inter e Milan, in un’esperienza italiana che lo ha visto approdare anche al Genoa e in Inghilterra al Chelsea.

Poi l’esperienza in panchina, la storica vittoria in Copa Sudamericana e quel messaggio nell’aprile del 2020 che svela l’ambizione e il sogno di un calciatore molto affezionato all’Italia. “Sto facendo la mia esperienza in Argentina e sto bene qui, ma lo faccio per tornare in Serie A. Sogno ogni giorno di allenare a San Siro. E’ un posto magico, e l’Italia mi ha dato tanto. I miei affetti sono in un paese al quale sono legatissimo, e un giorno sono certo che avrò modo di guidare un club in campionato”. La prossima avventura sarà però il San Paolo, in un salto di qualità che potrebbe aprire le porte per una nuova esperienza in Europa. Magari in un paese che non lo ha mai dimenticato.