Fantacalcio, la rivincita degli outsider: le sfide senza fine

Il Fantacalcio fa sempre più parte ormai delle nostre abitudini. Bistrattato da molti, osannato dai più. Sfide da sogno.

Il calcio è un gioco meraviglioso, si sa, lo dice la sua storia, lo dice il rapporto che i suoi sostenitori hanno con questo gioco che gioco no è. Lo dicono un sacco di cose, che a dispetto di ciò che possono sostenere numerosi detrattori, fanno del calcio una delle dinamiche, socialmente, politicamente, culturalmente più rilevanti dei nostri tempi. Dire “gioco”, in effetti, sembra davvero poco. Dinamica, magari, rende meglio. Al calcio, negli ultimi anni, si è aggiunta una sua diretta componente, un suo prolungamento naturale, il Fantacalcio. E qui, la cosa, si fa davvero interessante.

Un gruppo di persone, una rosa da comporre con dei crediti assegnati ad ognuno, un’asta per aggiudicarsi i singoli calciatori (il momento forse migliore dell’intera stagione) e la possibilità di schierare ogni domenica la formazione ideale avvalendosi poi della somma dei voti e degli eventuali bonus e malus assegnati da varie testate alla fine di ogni gara. Il punteggio finale, determinerà il numero dei gol segnati dalla vostra quadra, nelle varie sfide che caratterizzeranno la vostra lega.

Leggi anche >>> Grealish diventa un caso: la Premier vuole vietare il fantacalcio ai tesserati

Leggi anche >>> Simy nella storia del Crotone: mai nessuno come lui

Fantacalcio: cronaca di una sfida fuori da ogni logica

Fantacalcio
Fantacalcio

Chiaramente ad inizio anno si scelgono i calciatori su cui puntare, che non sempre rispondono al nome di grandi campioni. Si può scegliere insomma l’outsider, o il calciatore che si immagina possa esplodere nella stagione che verrà. Un esempio concreto? Simy del Crotone, attaccante nigeriano, sconosciuto ai più, già a quota 12 gol quest’anno. Altro esempio concreto? Nzola, attaccante francese dello Spezia 9 gol già messi a segno questa stagione. Ancora un esempio? Dimarco terzino sinistro del Verona, bella speranza, proprietà interista, e quest’anno sbocciato definitivamente, 4 gol e ben due assist quest’anno.

Storie di Fantacalcio raccontano di sfide, come quella tra Massimiliano e Luca. La giornata comincia subito alla grande, negli anticipi del venerdi e del sabato con il gol di Muriel, la doppietta di Pasalic e l’assist di Ilicic in Atalanta Spezia. Il buon Massimiliano crede di essere già a buon punto, ma il giorno dopo, il sabato, Luca va all’attacco. Tripletta del viola Vlahovic dopo il gol di Locatelli per Massimiliano in Sassuolo Verona che aveva contribuito ancor di più all’illusione.

Arriva la domenica, i giochi sembrano quasi fatti ma niente è come sembra. Torino Inter da a Luca il gol di Lautaro e quello di Barrow oltre all’assist del Bolognese, Massimiliano è fermo all’assist di Ribery del giorno prima. In serata, ancora Luca guadagna l’assist di Cuadrado. La sfida sembra non avere fine. Risultato finale 4-5. Massimiliano che pensava d’aver vinto già dal venerdì, deve arrendersi alle infinite risorse dell’avversario. Questo è il Fantacalcio.