Van Basten senza alcun dubbio: “Il Napoli rubò lo scudetto del 1990”

Van Basten
Van Basten (GettyImages)

L’ex stella milanista denuncia senza alcun dubbio il fatto che il Napoli abbia rubato il suo secondo scudetto

Marco Van Basten indimenticato campione rossonero e della nazionale olandese ha parlato di una intervista ad un noto quotidiano spagnolo della sua lunga carriera e dei momenti che l’hanno più di tutti gli altri caratterizzata. Gli inizi in Olanda, la nazionale, la chiamata al Milan di Berlusconi e Sacchi. Il credo tattico dell’allenatore italiano, cosi vicino al suo modo di vedere il calcio, da olandese figlio calcistico del calcio totale degli anni settanta e di Joahn Cruyff.

Ha parlato anche del suo rapporto con il fuoriclasse numero 14 che fece impazzire le difese di mezzo mondo, Marco Van Basten. Dei suoi allenamenti al Barcellona, di quanto quell’uomo abbia significato per lui, umanamente e calcisticamente, e di un trasferimento proprio in Spagna, mai concretizzatosi perchè il calcio in Italia, a quei tempi era un’altra cosa, e di andare a giocare nella penisola iberica, proprio non se ne parlava.

Leggi anche >>> Europa League Manchester United-Milan: amarcord e grandi trionfi  VIDEO

Leggi anche >>> Milan, squalifica e stangata Rebic: la decisione del Giudice Sportivo

Van Basten senza alcun dubbio sullo scudetto al Napoli: “Volevano due squadre italiane in coppa”

Maradona Milan
Maradona Milan (GettyImages)

Non le manda a dire il talento olandese. Nemmeno quando parla di ciò che secondo lui non è andato secondo i piani, o peggio ancora, non è andato cosi come il campo, in questo caso,  indicava. Il riferimento è al campionato di Serie A 1989/90, con il Napoli che superò il Milan, per poi vincere lo scudetto, grazie anche ai fatti di Bergamo, con il centrocampista Alemao colpito da una monetina alla testa e la conseguente vittoria a tavolino. Non ci sta Marco Van Basten, e spiega come tutto sia stato orchestrato ad arte per un solo motivo.

Volevano due squadre italiane in Coppa dei Campioni, spiega. Il Milan aveva vinto il trofeo e quindi l’anno successivo ci sarebbe stato di diritto, il Napoli, invece, vincendo il campionato italiano, sarebbe stata la seconda squadra italiana nel torneo continentale. I fatti di Bergamo, secondo l’attaccante olandese, e gli arbitraggi ricevuti dal Milan nelle ultime gare, testimonierebbero un disegno chiaro e preciso per favorire gli azzurri. Un’accusa chiara e decisa, che non lascia alcuno spazio al dubbio.