Aperture stadi, De Laurentiis furibondo minaccia la Lega

apertura stadi de laurentiis
Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli (Getty Images)

Svelati i motivi dell’ira di De Laurentiis in merito alle aperture degli stadi: una minaccia in assemblea e una sfuriata clamorosa.

Il tema delle aperture degli stadi è caldo dopo le parole del governatore Draghi, e avrebbe fatto infuriare De Laurentiis, protagonista di una strigliata durissima in assemblea di Lega. Lo ha svelato il Corriere della Sera, che racconta di attimi di tensione dovuti all’intervento del presidente del Napoli, non nuovo a sfuriate di questo genere. Pare infatti che De Laurentiis, intervenuto sul tema dei diritti tv, abbia chiesto di dare priorità alle aperture degli stadi. Alzando i toni della discussione.

La Serie A sta infatti pagando a caro prezzo l’assenza del pubblico, che ha ridimensionato le entrate dei club creando un vuoto pesante nelle casse societarie. Una condizione che rischia di penalizzare gli investimenti sul mercato e nelle strutture, che è stata al centro del dialogo fra la federazione italiana, la Uefa e il governo. Il sì di Draghi ha aperto uno spiraglio importante, immediatamente raccolto da Dal Pino. I dettagli svelati dal Corriere della Sera raccontano però di un intervento deciso di De Laurentiis, che avrebbe spinto il presidente ad accelerare le richieste e a produrre il documento per richiede le aperture degli stadi anche in Serie A.

Leggi anche: Riapertura stadi, non solo Europei: la proposta per la Serie A

Aperture stadi, De Laurentiis minaccia la Lega: “Denuncio tutti”

De Laurentiis aperture stadi
De Laurentiis, parole dure alla Lega sul tema stadi (Getty Images)

Duro ma risolutivo. De Laurentiis avrebbe chiesto le aperture degli impianti con un intervento pesante in assemblea di Lega durante la discussione sui correttivi per i diritti tv: “Cosa mi interessa di questo tema – avrebbe detto –  se non riportiamo la gente negli impianti? Se non ci diamo una mossa non faccio iniziare il campionato e vi denuncio tutti”. Parole raccontate dal Corriere della Sera, che svela una minaccia decisa ma anche utile a smuovere l’assemblea.

Pare infatti che dopo lo scontro nella riunione, Dal Pino abbia accelerato la richiesta, già in cantiere, di ottenere la presenza di 1000 spettatori già dai prossimi turni in campionato. Un progetto che in poche settimane potrebbe essere equiparato a quello in programma per gli Europei, e che consentirebbe ai club di aprire fino al 25% della capienza degli impianti. Un modo forse singolare ma decisivo quello di De Laurentiis, intenzionato ad accogliere al San Paolo i tifosi in un rush finale decisivo per il Napoli in chiave Champions.