Scamacca fissa gli obiettivi: “Spavaldo come Ibra vincente come Ronaldo”

Il giovane attaccante italiano Gianluca Scamacca fissa gli obiettivi tra Ibra e Ronaldo, passando per Dzeko.

Di proprietà del Sassuolo, attualmente in forza al Genoa, Gianluca Scamacca, viste le prestazioni degli ultimi mesi, tra Serie A e nazionale Under 21, si sta mettendo in mostra come uno dei profili più interessanti del nostro campionato. Le sue doti sono ben precise, ben delineate, ma il ragazzo vorrebbe di più, e ad una intervista al settimanale SportWeek traccia il suo identikit preciso di campione. Tra Ibra, Ronaldo e Dzeko.

Il ragazzo ha le idee chiare, quando gli si chiede cosa prenderebbe dai grandi campioni che attualmente ancora caratterizzano i principali campionati d’Europa, è certo di ciò che dice. La spavalderia di Zlatan Ibrahimovic, oltre al conto in banca (sorridendo), la velocità di Lukaku e la mentalità di Haaland. La costanza e la testa di Ronaldo, in più l’eleganza di Dzeko, il cinismo di Lewandowki e la cattiveria di Suarez.

Leggi anche >>> Under 21, rossi per Rovella e Scamacca: record di cattiveria o di severità?

Leggi anche >>> Leao, contro il Genoa l’ultima chance: un gol per svegliarsi

Scamacca fissa gli obiettivi: per diventare grande tracce di Ibra e Ronaldo

Ibra
Ibra (GettyImages)

Un giovane dalle idee chiare rapido sotto porta con il giusto carattere, sul quale sono già puntati gli occhi dei grandi club italiani. Il calciatore, oggi, ideale per ogni squadra, giovane, cinico, deciso, proprio come i tratti che ruberebbe volentieri a gente come Ibra, Ronaldo e Dzeko. Gianluca Scamacca è cosi, lo ha dimostrato nel Genoa e lo dimostra nella nazionale. Anche al Sassuolo qualcosa aveva fatto vedere, nelle sue prime presenze da professionista.

Il coraggio e la tenacia dei vent’anni, insomma, per questo ragazzo che ammira i grandi del suo tempo, d Ibra a Ronaldo passando per Dzeko e Lewandowski ma sembra avere le idee chiare su quello che sarà il suo futuro. Le grandi se lo contendono. Gianluca Scamacca ad un passo dal saltare dal trampolino che farà di lui, se vorrà e ne avrà le forze un profilo niente male a cui poter affidare l’attacco di una grande squadra o della nostra nazionale.