Cosa è la Superlega: le squadre, la formula e le date

Ceferin Juve Milan
Ceferin, presidente UEFA (GettyImages)

Cosa è la Superlega, idea che ha prodotto una dura reazione da parte della Uefa e delle Federazioni. Le date e le squadre che sarebbero coinvolte nell’ambizioso e criticato progetto. 

E’ braccio di ferro fra la Uefa e gli ideatori di un progetto ambizioso, che però divide. L’idea stuzzica i presidenti dei maggiori club europei, che ragionano sulle cifre che potrebbe produrre una competizione riservata alle squadre più ambiziose e decorate. Ecco cosa é la Superlega. Un torneo fra big, a numero chiuso, riservata all’élite del calcio. Una idea sostenuta con forza da Florentino Perez, che stuzzica però anche Andrea Agnelli, convinto come tanti altri presidenti del calcio continentale, dall’impatto che potrebbe avere sui conti delle società. Ma cosa è davvero la Superlega e a chi sarebbe riservata?

Nel caso vada in porto, il progetto sarebbe una competizione non dipendente da alcun organo calcistico. Una manifestazione con cadenza annuale, come la Champions League, che però sarebbe del tutto indipendente dalla Uefa e dalla Fifa. Ecco il perché della reazione e del duro comunicato, firmato dall’organo di cui è presidente Ceferin, e delle maggiori federazioni Europee. Ma quando potrebbe iniziare, e quali sarebbero i club a prendere parte alla prima eventuale edizione?

Leggi anche: SuperLega, duro comunicato della Uefa: la minaccia ai club

Cosa è la Superlega: le squadre partecipanti e la formula per i 20 club

cosa è la Superlega
Florentino Perez, fra i fondatori della Superlega (Gettyimages)

In molti si chiedono cosa è davvero la Superlega, progetto in embrione che però fa già tremare il calcio europeo. La Uefa ha già condannato l’eventualità di una competizione parallela, che però avrebbe già una formula potenziale e stuzzica i tifosi. Non c’è una data certa, e il braccio di ferro non fa altro che creare confusione ed allontanare l’eventuale inizio. L’idea dei presidenti coinvolti sarebbe quella di partire nel 2022, ma nulla è ancora certo. A prendere parte alla prima edizione sarebbero 20 squadre. Di queste, 15 club sarebbero di diritto dentro in quanto fondatori, e altri 5 scelti per meriti sportivi. Non è chiaro quali potrebbero essere, mentre sono ormai evidenti i nomi dei club che prenderebbero di diritto parte al torneo.

Si tratta di Inter, Juventus e Milan in Serie A, Tottenham, Liverpool, Manchester United e Chelsea in Premier League e Bayern Monaco in Germania. Fra le francesi ci sarebbe il Psg, mentre nella Liga l’idea piace al Real Madrid, all’Atletico e al Barcellona. Ecco cosa è la Superlega. Una super manifestazione che andrebbe avanti a lungo fra match pieni di stelle ed introiti pesantissimi per i club.

La formula e i rischi per la Uefa e per le squadre partecipanti

Juventus Agnelli Allegri Ronaldo
Cosa è la Superlega, l’idea che stuzzica Andrea Agnelli (Getty Images)

I club sarebbero quindi divisi in due gruppi da 10 squadre con una stagione regolare e poi una fase ad eliminazione diretta. Le classifiche determineranno poi gli scontri per decretare la vincitrice. Un progetto che andrebbe di pari passo con le normali competizioni Uefa e con i campionati nazionali, ed un gran numero di partite fra club di alto profilo. Ecco svelato il vero obiettivo dei club fondatori. Alzare il livello degli incontri, con tutto ciò che ne potrebbe derivare in termini di introiti e di fatturati.

Lo stesso motivo preoccupa e non poco le Federazioni che insieme alla Uefa hanno prodotto un duro comunicato, intimando alle società di non proseguire in un progetto dannoso. Potrebbe infatti derivarne uno scarso interesse per i campionati, una riduzione delle squadre, degli accessi negli impianti durante la Serie A, o la Bundesliga e la Premier. Le squadre coinvolte nella Superlega avrebbero di fatto garantito l’accesso ad una competizione nuova, e la corsa Champions potrebbe risentirne e negli anni anche la coppa più ambita potrebbe essere ridimensionata o del tutto cancellata. Ecco cosa è la Superlega. Un progetto in embrione che preoccupa, e che di sicuro, nei prossimi mesi, potrebbe scatenare una lotta con la Uefa e le federazioni.