Al Napoli sta bene il pareggio con l’Inter ma quante critiche a Osimhen

Osimhen
Osimhen (GettyImages)

Napoli Inter e Osimhen scompare. Finisce in pareggio, risultato che sta bene ad entrambe le squasre. Il nigeriano delude e scontenta tutti.

Napoli e Inter pareggiano al Diego Armando Maradona di Napoli. La gara passa tutto sommato veloce, autorete di Handanovic su cross di Insigne e tiro da fuori di Eriksen. La sintesi è quasi tutta qui. Politano prende una traversa su finale. Il segno x fa contenti tutti, ma per gli azzurri qualcosa non è andato come avrebbe dovuto. Parliamo della prestazione di Victor Osimhen, bocciato da quasi tutti per quello che ha fatto vedere in campo.

Gli azzurri del Napoli, offrono una prestazione accettabile contro l’Inter che si appresta a vincere il campionato. Osimhen, schierato da Gattuso dal primo minuto, tra Insigne e Politano, non ha convinto. Gli addetti ai lavori con coro unanime, ne hanno bocciato la prestazione, troppo morbida, poco pungente. Inconsistente insomma, come purtroppo per la maggior parte della stagione ci è capitato di sottolineare la prestazione del nigeriano.

Leggi anche >>> Serie A, le incredibili statistiche di De Paul. Il più veloce però è un difensore

Leggi anche >>> Allegri come Trapattoni e Ancelotti: Serie A beffata

Al Napoli sta bene il pareggio con l’Inter: Osimhen ancora incerto, Gattuso criticato

Gattuso
Gattuso (GettyImages)

Rino Gattuso, cosi come il suo attaccante Victor Osimhen è stato ampiamente criticato sui social da una parte di tifoseria per la formazione schierata da primo minuto. Non è piaciuto Osimhen, non è piaciuto forse, il tentativo dell’ex tecnico del Milan di rispondere con il fisico al fisico dei difensori nerazzurri. Mertens fuoi e Osimhen dentro evidentemente no è stato condiviso da parte del tifo partenopeo per un Napoli Inter che forse significava molto di più di cià che è stata.

Osimhen, che infortuni e covid a parte, finora non ha del tutto convinto, avrebbe dovuto prendere per mano l’attacco del Napoli contro l’Inter, e invece si è rivelato un mezzo fallimento, se non un completo fallimento. Poche occasioni, pochi spunti, spesso sbagliati, l’impressione di non trovarsi a suo agio in quella condizione fisica e mentale. Il ragazzo deve ancora crescere, questo, oggi è assolutamente fuori discussione.