Nagelsmann al Bayern Monaco: quando il mister è coetaneo dei calciatori

Julian Nagelsmann
Julian Nagelsmann (GettyImages)

Sarà Julian Nagelsmann coetaneo di molti calciatori, sarà il prossimo allenatore del Bayern Monaco. Il nuovo progetto ha inizio.

Julian Nagelsmann è stato ufficializzato quale prossimo allenatore del Bayern Monaco. Il tecnico, 33enne, lascia il Lipsia, squadra con la quale ha fatto un ottimo lavoro per sedersi sulla panchina degli attuali campioni d’Europa in carica. Prende il posto di Hansi Flick, ed arriva sulla panchina bavarese dopo il pagamento da parte del Bayern, di una clausola rescissoria di circa 25 milioni di euro. Coetaneo di molti calciatori in rosa, Nagelsmann è pronto a sfruttare la preziosa occasione.

L’atteggiamento offensivo, la minuziosa preparazione atletica e tattica e la vivacità del Lipsia, hanno convinto i dirigenti del Bayern Monaco a puntare sul giovane Nagelsmann, astro nascente tra gli allenatori europei. Nei mesi scorsi si era vociferato di accostamento alla panchina del Bayern, di Massimiliano Allegri, ipotesi probabilmente nemmeno presa in considerazione dai tedeschi. Nagelsmann, coetaneo di Lewandoski e Boateng, è più piccolo dell’estremo difensore bavarese Neuer.

Leggi anche >>> Bayern Monaco-Flick; decisione UFFICIALE: addio in diretta

Leggi anche >>> Gattuso alla Fiorentina senza coppe? A Napoli intanto Adl cerca l’accordo

Nagelsmann al Bayern Monaco: da Stramaccioni a Villas Boas, il tecnico coetaneo dei calciatori affascina sempre

Lipsia
Lipsia (GettyImages)

La lista di allenatori che sono stati chiamati a guidare squadre con in rosa calciatori più anziani di loro stessi, non è certo corta. La storia recente offre molti spunti, da Stramaccioni più giovane di Zanetti all’Inter, a Gianluca Vialli, ai tempi della panchina del Chelsea, più giovane di Mark Hughes. E ancora Villas Boas, sempre al Chelsea, coetaneo di Lampard, Drogba, Terry. Oggi, Nagelsmann, proverà ad imporsi sulla panchina del Bayern Monaco

Se il tecnico è tuo coetaneo, potranno presto dirlo Boateng, Lewandowki e Javi Martinez, oltre al più “anziano” Neuer, magari a guadagnarne è il feeling, l’intesa, forse, o forse no. La storia recente ci racconta infatti di ottime affermazioni di certi tecnici “bambini”, ma anche di grossi fallimenti. Il Bayern Monaco e la sua dirigenza, però, sanno il fatto loro, e di certo puntando su Nagelsmann, sanno di aver puntato sul migliore in circolazione, per il proprio progetto tecnico.