Cassano, altro attacco a Conte: “C’è un motivo, ve lo dico io”

Cassano attacco Conte
Conte (GettyImages)

Antonio Cassano parla della scelta di Conte di abbandonare l’Inter e si lascia andare ad un duro attacco: “C’è un motivo”. 

Antonio Cassano non ha peli sulla lingua. L’ex calciatore ha spesso pagato dazio in carriera per gli atteggiamenti che lo hanno reso inviso a molti protagonisti del calcio ma non ha mai nascosto il suo pensiero, anche se politicamente scorretto. L’ultimo della lista ad essere attaccato è Antonio Conte. Dopo la vittoria dello scudetto, il talento di Bari vecchia disse che l’Inter ha approfittato degli errori di Juve e Milan, lanciando una stoccata pesante all’ormai ex tecnico nerazzurro.

“Vincere non è mai semplice, sono stati bravi, ma secondo me pesano i demeriti delle altre squadre. Io non cambio idea, non è un titolo a convincermi. Credo che l’Inter non offra un buon gioco, mi annoia. E poi in Europa Conte ha sempre fatto schifo, e questo è un dato di fatto”. Queste le parole di Cassano, che sempre a Bobo Tv, con Vieri e Adani, si è lasciato andare ad un nuovo attacco nei confronti di Conte.

Leggi anche: Juve Allegri, striscione per il bentornato: 7 anni fa la contestazione -VIDEO

Cassano e l’attacco a Conte: “Finisce sempre così, non è un caso. Psg? Leonardo è un esteta”

Conte
Conte, Cassano lo mette ancora sotto attacco (GettyImages)

Ancora un affondo. Duro e mirato all’ex tecnico dell’Inter. Cassano ricostruisce l’avventura di Conte in nerazzurro e tira le somme. “Ha fatto un buon primo anno – ha sottolineato a Bobo Tve poi ha vinto lo Scudetto giocando a modo suo. Un cammino positivo, ma non può essere un caso che va sempre via facendo capire che i club non lo accontentano. La sua nuova squadra? Per me va al Real Madrid. Il Psg? No e vi spiego i motivi”.

Cassano svela il suo pensiero e spiega perché l’allenatore leccese non sia un papabile fra le scelte di Leonardo. “Parliamo di un esteta del calcio. Cosa c’entra con sta roba? Tutto è possibile, ma non immagino Mbappè che marca un centrocampista basso o Di Maria che fa tutta la fascia. Lo reputo impossibile”.