Milik e la Juve nel destino: le 5 curiosità dell’attaccante richiesto da Allegri

milik juve
Arkadiusz Milik, ora al Marsiglia (GettyImages)

Milik ha la Juve nel destino: Allegri lo ha inserito nella lista per la prossima stagione, e il polacco è in qualche modo legato all’ambiente bianconero.

La Juve non ha mai smesso di corteggiare Arkadiusz Milik. Lo chiese Sarri al primo anno in bianconero, e anche Pirlo, prima del passaggio al Marsiglia, chiese ad Agnelli un sacrificio per portare l’ex Napoli a Torino. Nelle ultime ore anche Allegri avrebbe formulato la richiesta di tentare l’assalto al centravanti polacco. Un attestato di stima per un bomber che in Italia ha dimostrato di avere talento e di essere incisivo in zona gol, e che in qualche modo è legato alla Juventus.

Non solo dagli interessi di mercato, ma da un curioso aneddoto relativo alla sua infanzia. Sono tante infatti le curiosità su Milik, che potrebbe essere il rinforzo giusto per la Juve. Non avrebbe un costo eccessivo, raggiungerebbe volentieri Allegri e troverebbe spazio in una squadra che vuole candidarsi con forza alla vittoria dello scudetto.

Leggi anche: Bernardeschi attacca Pirlo, ma gli risponde la compagna: “Che genio” FOTO

Milik, la Juve si fa sotto: le curiosità sul bomber nato in un quartiere “bianconero”

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Arek Milik (@arekmilik)

La Juve è nel destino di Arkadiusz Milik. I bianconeri e il centravanti nato a Tychy si sono sfiorate più volte, ed è proprio la cittadina polacca a nascondere il primo particolare intreccio fra le parti. In quel luogo c’è infatti una storica sede della Fiat, in cui di recente è stata avviata la produzione della 500. Da quel luogo è partita la carriera del bomber, che pur di continuare la sua crescita in patria rifiutò i provini offerti dal Tottenham e dal Reading.

Poi il passaggio al Bayer Leverkusen e all’Augusta, con pochissime soddisfazioni. Il prestito all’Ajax fu invece determinante per la sua carriera. In Olanda Milik iniziò a segnare senza sosta, e quei 2,8 milioni fissati per il riscatto divennero uno dei migliori investimenti dei lancieri, che nel passaggio al Napoli ne incassarono 32. La sua storia partenopea iniziò con la scelta del 99, numero che indica una grande passione per il centravanti.

Quella per l’hockey, in cui gli atleti scelgono di consueto il numero. L’altro sport di cui è appassionato l’ex Napoli è il basket, e Kobe Bryant è uno degli idoli di uno sportivo che segue anche la nazionale polacca di volley. Passioni condivise con la stupenda moglie Jessica Ziolek. La coppia ama viaggiare e ha uno splendido esemplare di setter. Una famiglia che potrebbe trasferirsi ben presto a Torino. I rumors di marcato raccontano infatti di un pressing di Allegri ad Agnelli per tentare di abbracciare l’attaccante, che a breve scioglierà le riserve e potrebbe diventare l’uomo giusto per la vecchia signora.