Il Cagliari libera Di Francesco, Verona attende: le altre panchine

Di Francesco
Di Francesco (GettyImages)

Di Francesco Cagliari e Verona la rotta giusta tracciata da un accordo tra i sardi ed il tecnico ex Roma. Le altre intanto..

Eusebio Di Francesco si libera dal Cagliari, risolto il contratto con la società sarda che a questo punto da il via alla trattativa per la sua prossima destinazione Verona. La panchina veneta lasciata libera da Juric, accasatosi al Torino, ha quindi una nuova guida. La risoluzione con il Cagliari che sin dall’inizio non aveva presentato grossi ostacoli, libera anche i sardi dal peso di un ulteriore ingaggio da rispettare. Due problemi in uno risolti.

Con Di Francesco al Verona prende sempre più forma la mappa delle panchine di Serie A. La prossima stagione vedrà una vera e propria rivoluzione delle panchine con tantissime guide tecniche variate soprattutto tra le big. Spalletti al Napoli, Inzghi all’Inter, Mourinho alla Roma ed il ritorno di Allegri alla Juventus. La Lazio intanto stringe per Sarri, mentre lo stesso Cagliari non ha ancora deciso se continuare o meno con l’attuale tecnico Semplici.

Leggi anche >>> Fiorentina, comincia l’era Gattuso: nodo Vlahovic, un fedelissimo nel mirino

Leggi anche >>> Ribery resta alla Fiorentina: ama la città e la sua splendida casa

Il Cagliari libera Di Francesco, Verona attende: Giampaolo vicino al Cagliari

Sarri
Sarri (GettyImages)

Mentre Maurizio Sarri sembra essere sempre più vicino alla Lazio, Gennaro Gattuso ha ufficialmente dato il via alla sua nuova avventura a Firenze. Il Sassuolo intanto sembra puntare fortemente Giampaolo ancora legato contrattualmente al Torino di Cairo. Di Francesco al Verona, dopo la rescissione con il Cagliari apre alle riflessioni sulle panchine dell’altra ala della classifica di Serie A. Lo Spezia con Italiano e il Bologna con Mihajlovic, ripartono da dove avevano lasciato.

Verona, Di Francesco, Cagliari, Semplici, Juric Torino, incroci estivi per panchine gloriose della nostra Serie A, che chiedono un progetto serio per provare ad andare oltre la comoda salvezza. Progetti tecnici di spessore che finalmente prendano il posto di approssimate stagioni dove l’investimento è sempre più travestito da scommessa. Rivoluzioni durate pochi mesi, certezze affievolitesi in poche settimane, certe piazze, meritano davvero altro.