Gullit, l’aneddoto ‘hot’ su Sacchi: “Veniva sempre in doccia e…” – VIDEO

ruud gullit barzelletta sacchi
Ruud Gullit (Gettyimages)

Il racconto irriverente di Ruud Gullit che fece infuriare Arrigo Sacchi: la barzelletta hot mal digerita dall’allenatore del Milan. 

Ruud Gullit è stato uno degli uomini simbolo del Milan di Arrigo Sacchi. Famoso per il suo aspetto fisico, per i suoi capelli ma soprattutto per la grande tecnica calcistica. Il centrocampista olandese è stato uno dei calciatori più importanti dello spogliatoio rossonero per carisma e grande senso dell’umorismo. Una caratteristica che lo stesso ex allenatore gli riconobbe col tempo.

Tra i due i rapporti erano ottimi, ma in un’occasione Gullit fece particolarmente innervosire Sacchi in un post-partita.

Leggi anche >>> Sarri, Mourinho e quell’unico precedente (quasi) finito in rissa

Gullit e la barzelletta su Sacchi: l’allenatore su tutte le furie

Arrigo Sacchi ride - Getty Images
Arrigo Sacchi – GettyImages

In un podcast radiofonico di Humberto Tan, Ruud Gullit ha raccontato un episodio curioso con Arrigo Sacchi protagonista e vittima di uno scherzo. Il tecnico era solito entrare nello spogliatoio della sua squadra al termine delle gare e scherzava con tutti, ma con il centrocampista olandese in particolar modo, prendendo di mira i suoi genitali.

In un’occasione, Gullit gli raccontò una storia in cui il protagonista fu costretto ad affidarsi ad un medico per accorciare il suo membro, troppo lungo e fastidioso. Terminata l’operazione, l’uomo festeggia con il dottore fino ad ubriacarsi, per poi chiedergli che fine avesse fatto la parte del corpo tagliata. A quel punto, il medico: “Ho messo una parrucca e adesso è un allenatore del Milan“. Al termine della barzelletta, Sacchi rimase incredulo e disse a Ruud di non aver rispetto. Nel frattempo, i compagni di squadra attorno erano rimasti sbigottiti, ma allo stesso tempo divertiti per la battuta goliardica.

 

Gullit ha specificato nel podcast che l’allenatore rossonero non si permise mai più di entrare negli spogliatoi dopo questa barzelletta. In una seconda occasione, Roberto Donadoni raccontò questo aneddoto, svelando che diversi compagni nello spogliatoio rimasero a terra dalle risate.