Arrigo Sacchi e la stoccata agli allenatori moderni: “Strapagati”

Sacchi Conte
Sacchi Conte (GettyImages)

L’ex tecnico del Milan e della Nazionale italiana parla a tutto campo di passato e presente, e soprattutto di allenatori.

Ne ha per tutti Arrigo Sacchi, il calcio passato e presente, gli allenatori, la sensazione di non aver più stimoli. In una intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, il tecnico di Fusignano analizza gli aspetti del calcio moderno, mescolandosi con la traccia lasciata dalle sue esperienze professionali e non. Il concetto di allenatore, oggi, il suo ruolo nella storia, le colpe, le virtù e l’ultima folle offerta di Silvio Berlusconi per il suo Monza.

L’ex tecnico rivoluzionario del Milan parla di allenatori, e lo fa riferendosi alla sempre più pressante convinzione che questi pesino, ai fini di una valutazione complessiva dell’operato di una squadra, molto meno degli stessi calciatori. A questo punto, viste le premesse, l’ex ct della nazionale si chiede come mai allora guadagnino cosi tanto. Se oggi un allenatore non ha bisogno di formarlo un calciatore, cosi come faceva lui, come si giustificano gli ingaggi multimilionari?

Leggi anche >>> Il 1990 e quella magica atmosfera: le coppe e l’Italia sul tetto d’Europa

Leggi anche >>> Premier League, il miglior calciatore del 2021 è italiano: il rapporto CIES

Arrigo Sacchi e la stoccata agli allenatori moderni: “Galliani mi ha fatto preoccupare”

Arrigo Sacchi
Arrigo Sacchi Parma (GettyImages)

Gli allenatori ed Arrigo Sacchi, la sua esperienza al Parma, l’ultima volta che ha capito che forse era il caso di smetterla con il calcio. La riunione con i calciatori nel giorno del primo allenamento, Buffon, Cannavaro, Thuram, tutti li, seduti a parlare di ciò che non andava, i primi successi, ma quel senso di vuoto, quel non entusiasmo, sintono che qualcosa in lui stava cambiando, e da allora, il calcio non ha più rappresentato la quasi totalità della sua vita.

L’ultima tentazione di Berlusconi, nel racconto di Arrigo Sacchi, la chiamata del cavaliere per il suo Monza, con tanto di villa e maggiordomo inclusi nel contratto, ma per l’ex tecnico del Milan, ormai non è più tempo di pensare al calcio. L’ultimo pensiero, dopo la riflessione sugli allenatori moderni, è per Adriano Galliani, colpito dal covid, le cui condizioni di salute lo hanno profondamente toccato e preoccupato. Poi per fortuna, la graduale guarigione.