Juventus, la proposta di Agnelli per la Champions League fa discutere

La proposta di Andrea Agnelli, presidente della Juventus, in merito alla nuova Champions, fa discutere. Dall’Inghilterra svelano le parole del numero uno dell’Eca.

Dall’Inghilterra arrivano indiscrezioni sulla proposta del presidente dell’Eca e della Juventus, e le parole di Andrea Agnelli in merito alla nuova Champions fanno discutere. La risposta del numero uno dei bianconeri, interpellato sul Fair Play finanziario e sui costi del calcio, ormai fuori controllo, ha lanciato un messaggio chiaro in vista dei prossimi passi in tema Champions. Intervenuto su un tema molto caldo, Agnelli ha lanciato forse più una provocazione che una reale idea.

Un’innovazione che potrebbe sicuramente ridurre i costi per i club e per il sistema, ma che andrebbe incontro a critiche e rivoluzionerebbe il mercato. Ad un giornalista tedesco, intervenuto sui problemi economici del sistema calcio e sulle idee per invertire un pericoloso trend, Agnelli ha svelato un’idea che bloccherebbe alcuni scambi sul calciomercato.

Un’introduzione difficile da digerire per alcuni top club, che se dovesse passare la linea del numero 1 della Juve, avrebbero limitazioni molto pesanti sul mercato. Uno stop ai trasferimenti che non piace, ma che secondo Agnelli potrebbe essere utile alle casse delle società in un momento molto delicato.

Leggi anche: Juventus, Agnelli ha le idee chiare sui rinnovi di Paratici e Nedved: c’è un piano

Juve, Agnelli ha una proposta per la Champions: “Stop ai trasferimenti fra club”

Haaland Juve champions proposta
Haaland, uno dei calciatori che brillano in Champions (twitter)

Si tratta quindi di una indiscrezione lanciata dall’Inghilterra, che avrebbe al centro le parole del presidente della Juve. Agnelli in tema di Fair Play finanziario avrebbe proposto di fermare i trasferimenti fra i club che partecipano alla Champions League. Un divieto che nelle idee del presidente del club bianconero dovrebbe interdire le trattative fra le squadre che si contendono il trofeo, in modo da limitare i costi e calmare notevolmente le cifre sul mercato.

Niente trasferimenti a cifre astronomiche quindi, per migliorare la solidarietà fra i club impegnati in Champions e porre un freno ai prezzi. Agnelli avrebbe così spiegato la sua idea, e avrebbe anche aggiunto che se ne sta discutendo. Di fatto, se passasse questa linea, le società che partecipano alla massima competizione europea non potrebbero intavolare fra loro trattative per i gioielli del mercato, e avrebbero un vero e proprio divieto sui trasferimenti.

Una idea che ha fatto molto discutere e potrebbe cambiare il volto al mercato. Sono tanti infatti i calciatori che negli ultimi anni sono stati al centro di trattative eclatanti. Da Neymar a Mbappe, passando per lo stesso Ronaldo che proprio dal Real Madrid ha raggiunto la Juve. Immaginare Haaland fermo al Borussia Dortmund o costretto ad un trasferimento in una squadra che non partecipa alla Champions diventa difficile. Agnelli ha quindi gettato le basi per un discorso legato al Fpf, ma la sua idea potrebbe essere rivista, o anche bocciata. Dall’Inghilterra sussurrano infatti che molti club non siano d’accordo con una svolta che sembra difficile da portare avanti.