Il talismano Farris carica la Lazio: con lui in panchina non si perde

Farris
Farris (GettyImages)

Massimiliano Farris vice allenatore della Lazio, siede in panchina al posto di Simone Inzaghi. Per lui mai una sconfitta.

Le sorti della Lazio ancora una volta nelle mani di Massimiliano Farris, vice e grande amico di Simone Inzaghi. Il tecnico biancoceleste, a riposo ed in quarantena dopo aver contratto il covid, lascia volentieri nella mani del suo fidato collaboratore, la sua squadra, nella gara esterna contro il Napoli. Inzaghi dorme sonni tranquilli, con Farri in panchina, la sua squadra non ha mai perso. Certo però che contro gli azzurri, il pareggio potrebbe servire davvero a poco.

Massimiliano Farris nel corso di questa stagione si è seduto sulla panchina della Lazio per sostituire l’amico e collega Simone Inzaghi, anche in occasione delle due precedenti gare di campionato. Vittoria a Verona contro i padroni di casa di Juric e vittoria in casa, all’Olimpico contro il Benevento dell’altro Inzaghi, Filippo. Ora il Napoli, il Diego Armando Maradona per il tecnico venuto dai duri campi del calcio professionistico, da cinque anni fidato assistente di Simone Inzaghi.

Leggi anche >>> Napoli, la tradizione argentina si è persa: il mercato potrebbe ravvivarla

Leggi anche >>> Eriksen, Napoli porta bene: due gol in due partite in casa degli azzurri

Il talismano Farris carica la Lazio: tutti i precedenti in panchina per il vice di Inzaghi

Simone Inzaghi
Simone Inzaghi (GettyImages)

Il ruolino di marcia di Massimiliano Farris, sulla panchina della Lazio, tutte le volte in cui per un motivo o per l’altro è dovuto mancare Simone Inzaghi, non è certo in negativo. Se si escludono le ultime due vittorie prima di Napoli, troviamo infatti: Lazio-Inter 2-0, Lazio-Atalanta 2-1, Genoa-Lazio 2-2 , Atalanta-Lazio 3-3 , Fiorentina-Lazio 3-4 , Lazio-Milan 1-1  e infine Lazio-Inter (vinta poi ai rigori dai laziali).

In vista di domani, Massimiliano Farris ha parlato di Napoli, della sfida contro gli azzurri di Gattuso, come di una sorta di esame di maturità, di prova del nome. Sfidare la squadra che in classifica è davanti a te, di soli due punti, provare a vincere, provare a superarla in classifica e sperare, ancora nel sogno Champions League. I numeri sono tutti dalla parte del vice di Inzahi, perdere potrebbe essere quasi impossibile, se in panchina c’è Farris.