Fiorentina-Inter e anche sfida fra proprietà: Zhang cede, Commisso rilancia

Inter cessione Bc Partners
L'Inter incontra oggi gli emissari di Bc Partners (Getty Images)

Fiorentina e Inter apriranno oggi la giornata di Serie A. Non è solo sfida tra due squadre che spesso regalano match ricchi di gol. Da una parte Zhang che vuole vendere il club, dall’altra Commisso, criticato per la gestione dei Cosmos e pronto a investire in Italia.

Fiorentina-Inter in campo e fuori. Una sfida tra squadre che spesso regalano emozioni in Serie A, ma anche un incrocio fra due società che hanno deciso di investire in Italia. Da una parte Zhang, che dopo il rilancio dei nerazzurri sta provando a cedere le quote del club ai fondi esteri, dall’altra Rocco Commisso, che ha messo in secondo piano i New York Cosmos per avviare il progetto stadio a Firenze e concentrare gli investimenti nella squadra viola. All’Inter tutto è ambiato in meno di un anno. Dalla trattativa Lukaku, passando per Eriksen e Hakimi, i tifosi hanno vissuto mesi di rinascita. In estate hanno anche accarezzato il sogno Messi, con il volto dell’argentino proiettato sul Duomo. Quel giorno però ha segnato il confine fra un progetto pronto a decollare, e una trattativa per la cessione che può chiudere l’era cinese in nerazzurro.

Gli affari avviati per la cessione sono al momento nella fase dei sondaggi, e la prima vera offerta del fondo Bc Partners è stata al momento accantonata per le divergenze sulla valutazione del club. Zhang però è stato chiaro, come più volte confermato da Marotta e Conte, e il blocco sul mercato è il segnale più marcato della volontà di passare la mano. Discorso inverso per Commisso. L’imprenditore italo-americano è oggetto di critiche negli States per la gestione dei Cosmos. La storica squadra newyorkese non è stata infatti iscritta al campionato fra lo sconcerto dei tifosi, che lo hanno accusato di concentrarsi troppo sui viola.

Nei programmi della proprietà c’è infatti la creazione di un nuovo impianto o il riammodernamento del Franchi, e comunque la volontà di riportare in alto la Fiorentina. Due diversi modi di vivere il calcio quindi. Uno con radici italiane, passione e voglia di emergere. L’altro con l’obiettivo di incrementare i ricavi prima ancora che i trofei. Due filosofie diverse che raccontano lo stato del calcio italiano, sempre più alla ricerca di investitori esteri che però in pochi anni potrebbero diventare meteore.

Leggi anche: Inter, Bc Partners rientra in gioco: presentata un’offerta ufficiale

Fiorentina-Inter: i precedenti sorridono ai nerazzurri

fiorentina inter zhang commisso
La Fiorentina cerca un successo contro l’Inter (GettyImages)

Fiorentina e Inter si troveranno difronte per la terza volta in questa stagione. All’andata i nerazzurri uscirono vincitori da San Siro in un pirotecnico 4-3, per poi battere i viola anche in Coppa Italia. Al Franchi i viola di Commisso non hanno una cattiva tradizione, ma l’ultima vittoria dei toscani risale al 2017 in un’altra gara ricca di emozioni che terminò 5-4 per i padroni di casa. Nei 166 incontri in Serie A i numeri però sorridono alla squadra di Conte.

Il bilancio è infatti di 66 successi contro 44 dei viola e 54 pareggi. Buono anche lo score dell’allenatore ex Juventus contro la rivale di stasera. Cinque successi, tre segni X e due sconfitte. Nel match di stasera c’è anche un record da battere. Romelu Lukaku, con 298 reti, potrebbe con una doppietta raggiungere quota 300 fra club e nazionale belga.