Cosa è il Kefir? Ecco ciò che non sapevi!

377

Il kefir è stato conosciuto in Italia da poco tempo, ma subito ha scalato classifiche nella nostra catena alimentare. Parliamo di una bevanda fermentata che proviene dal Caucaso, molto simile nell’aspetto allo yogurt. In questo articolo vi spiegheremo nel dettaglio cose è il kefir e a cosa serve.

Cosa è il kefir

Come già accennato, il kefir è una bevanda fermentata di origine caucasica, che nell’aspetto è molto simile allo yogurt tradizionale. I grani di kefir sono formati da colture di lievito e batteri lattici e, quando si aggiungono al latte vaccino o caprino, avviene la fermentazione degli zuccheri che da origine al kefir.

Le proprietà del kefir

Il kefir contiene diverse proprietà benefiche per il nostro organismo. E’ ricco di calcio e Vitamina K; aiuta ad alleviare problemi digestivi, migliora la salute delle ossa e previene la comparsa di patologie degenerative dello scheletro come l’osteoporosi, combattere le infezioni, rinforza il sistema immunitario.

E’ anche un ottimo antinfiammatorio che serve a combattere l’asma ed i sintomi allergici, in più può essere consumato da chi è allergico al lattosio.

Come si usa il kefir

Questa bevanda ormai si trova tranquillamente in tutti grandi supermercati ed ipermercati, ma volendo può essere anche preparato in casa. Il suo uso è semplice, basta aggiungere 2 cucchiai nel latte in una ciotola. La ciotola non va riempita tutta, ma vanno lasciati almeno un paio di centimetri vuoti prima del bordo. Per chi desidera il kefir più denso si può aggiungere una crema che contiene grassi. Fatto questo bisogna coprire la ciotola con un panno e va lasciata riposare a temperatura ambiente tra le 12 e le 36 ore. Quando il kefir diventerà grumoso bisognerà filtrare il preparato, separando i semi dalla bevanda e poi può essere bevuto.

Le controindicazioni del kefir

Abbiamo spiegato cos’è il kefir e come va usato, abbiamo compreso quali sono le sue proprietà e quali benefici ha per la salute. Ora però dobbiamo capire se il kefir può avere delle controindicazioni per la salute.

Il kefir ha delle controindicazioni e in questo paragrafo le analizzeremo in modo molto chiaro. Il kefir può causare problemi a livello intestinale per chi soffre di problematiche come quella del colon irritabile. A seconda dei casi può quindi provocare diarrea, stitichezza o crampi.

Altro problema è bere kefir quando si ha un sistema immunitario debole, ad esempio dopo una lunga malattia o se si è stati sottoposti a un grave intervento chirurgico come un trapianto. La preoccupazione è che le persone che hanno subito queste problematiche possano avere insofferenza a prendere il kefir poiché questo contiene batteri e lieviti in crescita attiva. Si tratta di una condizione che può favorire lo sviluppo di infezioni.

E’ importante quindi, in ogni caso e anche per chi è in salute, controllare le dosi di assunzione del kefir e non eccedere nel consumo dell’alimento o cercare di evitarlo se si soffre delle patologie o delle condizioni cliniche sopraelencate.