Rilassare i piedi: come utilizzare aghi di pino e sassi

151

La salute dei piedi rivela lo stato di salute del nostro corpo. Dal piede è possibile intuire in quali condizioni si trovano i nostri organi interni. Questo potrebbe aiutarci a prevenire alcuni disturbi e malattie. Ad esempio la temperatura, il colore, le callosità, la forma delle dita, sono tutte cose da tenere in considerazione per determinare la salute dei piedi. I calli e i duroni rifletterebbero delle rigidità fisiche o mentali della parte del corpo corrispondente.

Salute dei piedi e colonna vertebrale

La salute della colonna vertebrale si riflette lungo il lato interno dei piedi. Per esempio, l’alluce valgo dovrebbe corrispondere alla parte superiore della schiena; è possibile, dunque, che chi ne soffre abbia anche problemi di cervicale.

Stimolare l’intestino

La zona corrispondente all’intestino si trova nel tallone. Le screpolature o i calli sui talloni possono essere il riflesso di un problema intestinale. In questo caso potete massaggiare con delle palline per fare pressione.

La zona centrale del piede

La zona centrale del piede corrisponde al resto dell’apparato digerente: il fegato, lo stomaco, il pancreas e la milza. Un fastidioso durone in questa parte del piede potrebbe indicare la presenza di calcoli biliari nel fegato o nella cistifellea.

Il colore dei piedi

Il colore giallo fa sempre riferimento al fegato o alla cistifellea; un tono verdastro, invece, corrisponde alla milza e al sistema linfatico. Questi segnali sono un’utile indicazione del nostro benessere o di presenza di tossine. Se li trascuriamo, con il tempo potrebbero accumularsi e contribuire alla formazione di calcoli o cisti.

Le dita sono il riflesso della testa

Continuando il nostro percorso nella salute dei piedi, arriviamo alle dita. Queste riflettono principalmente lo stato in cui si trova la parte superiore del corpo, con qualche eccezione.
Un callo sotto il quarto dito del piede o sulla punta potrebbe indicare che la cistifellea non sta funzionando correttamente. Se per molto tempo avete sofferto di calcoli biliari, questo dito solitamente è molto rigido, incurvato e dolente.

I piedi freddi

Quando i piedi tendono a essere freddi potrebbe esserci uno squilibrio termico nel nostro organismo. È possibile, ad esempio, che il sistema digerente stia facendo uno sforzo eccessivo oppure che l’intestino sia impigrito. In questo caso dobbiamo migliorare l’alimentazione e stimolare il transito intestinale.

Rilassare i piedi: come utilizzare aghi di pino e sassi

Il caldo è uno dei nemici principali dei nostri piedi. Bisognerebbe camminare quanto più possibile scalzi perché rigenera e fa bene ai nostri piedi. Nell’articolo di oggi andremo a vedere insieme un rimedio naturale ed economico per rilassare i piedi utilizzando gli aghi di pino e ii sassi.

Questo è un antico rimedio delle foreste del Nord. Bastano degli aghi di pino e dei sassi, che si trovano molto tranquillamente nei parchi, ad esempio, o in montagna, ma ance in alcuni giardini e possibile raccoglierli.

Come prima cosa ponete dei sassi in una bacinella, poi mettete a bollire dell’acqua in un pentolino con gli aghi di pino non essiccati. Lasciateli bollire per una decina di minuti. Passato questo tempo versate l’acqua nella bacinella con i sassi. L’acqua deve essere calda, ma non bollente, per non gravare sulla circolazione. Muovete anche i piedi sui sassi, questo permetterà di rilassare la mente e aprire i bronchi perché si sprigiona anche l’amore del pino. Qualora non doveste trovare gli agli di pini freschi potete acquistare l’olio essenziale e utilizzarlo per fare il pediluvio.