Serie A, la top 11 del 2020: Cristiano Ronaldo, Lukaku e qualche sorpresa

Serie A, la top 11 del 2020: Cristiano Ronaldo, Lukaku e qualche sorpresa
Serie A, la top 11 del 2020: Cristiano Ronaldo, Lukaku e qualche sorpresa

Stats Perform, nuovo nome dell’agenzia Opta, ha tracciato la formazione della Serie A in base ai dati statistici di rendimento del 2020

Una formazione che mette insieme il meglio della Serie A nel 2020. I dati rispecchiano il valore del Milan capolista, che Pioli non vuole si definisca più “una favola”. Racconta quanto Cristiano Ronaldo e Lukaku stiano definendo questa particolare epoca del calcio italiano. I numeri, poi, premiano anche protagonisti magari meno celebrati, come Marco Silvestri, da cui partiamo per illustrare la top-11 ideale dell’anno.

Il portiere del Verona ha concluso il 2020 con la percentuale più alta di parate (74%) tra chi ha giocato almeno dieci partite in Serie A.

I dati premiano Juan Cuadrado, il terzino della Juventus che garantisce una forte spinta offensiva e consente alla Juve di difendere a quattro e impostare però a tre. Spicca, nel 2020 del colombiano, la quota di passaggi riusciti nella metà campo avversaria. Sono 1044, più di ogni altro difensore in Serie A.

E’ sempre più evidente, anche nei numeri, quanto si sia rivelato prezioso per la Juve investire in Matthijs de Ligt. Il difensore più costoso della Serie A sposta gli equilibri per i bianconeri. Con lui in campo, la Juve ha vinto il 65% degli incontri in Serie A e subito un gol a partita. Quando non ha giocato, la percentuale di successi è scesa al 35% e i gol incassati sono aumentati a 1,4 di media.

La difesa della Lazio poggia invece su Francesco Acerbi, che ha recuperato 177 palloni in Serie A nel 2020: é il difensore centrale mancino che ha fatto meglio nell’anno solare.

Il primo dei calciatori del Milan in questa formazione ideale non può che essere Theo Hernandez. Il terzino francese ha completato 57 dribbling nell’anno solare in campionato ha fatto meglio.

Leggi anche – Maradona, Totti, Messi: cinque grandi documentari sul calcio

Serie A, la top 11 Opta: Immobile escluso di lusso

La formazione si dispone con un 4-3-3. A centrocampo, difficile potesse mancare Rodrigo De Paul dell’Udinese, l’uomo mercato che piace all’Inter e alla Juventus. L’agenzia segnala un dato in particolare. La stella dei friulani è il giocatore che ha percorso più metri palla al piede di tutti (9500 metri).

Lo affiancano due dei pilastri del Milan, simboli del valore della continuità nel progetto di calcio rossonero. C’è infatti Franck Kessié, il giocatore di movimento che ha recuperato più palloni (246) in Serie A nel 2020. E il turco Hakan Calhanoglu, re degli assist nel 2020 (14). Il fantasista è anche il calciatore che ha creato più occasioni (99) negli ultimi dodici mesi.

Sorprende l’assenza di Ciro Immobile e di Zlatan Ibrahimovic nell’attacco. L’agenzia ha premiato uno degli uomini più discussi degli ultimi mesi, Alejandro “Papu” Gómez, che vanta il record di squadra per palloni recuperati nella trequarti avversaria in Serie A nel 2020 (28).

Gli altri due posti in attacco vanno a Lukaku e Cristiano Ronaldo. Il belga ha la miglior percentuale realizzativa, nel rapporto fra reti segnate e tiri in porta, fra chi ha segnato almeno 20 gol (27%).

Il portoghese, infine, ha chiuso l’anno solare con 33 gol in Serie A. Solo due giocatori nella storia della competizione hanno fatto meglio: Felice Borel nel 1933 ne segnò 41, si fermò invece a quota 36 lo svedese Gunnar Nordahl nel 1950.
·